“Lo sai perché mi piace cucinare?”

“No, perché”?

“Perché dopo una giornata in cui niente è sicuro, e quando dico niente voglio dire n-i-e-n-t-e, una torna a casa e sa con certezza che aggiungendo al cioccolato rossi d’uovo, zucchero e latte l’impasto si addensa: è un tale conforto!”

Julie&Julia

Visualizzazioni totali

lunedì 12 ottobre 2020

Pane alle noci con farina Integrale Molino F.lli Cipolla.

INGREDIENTI: 

·        300 GR FARINA INTEGRALE

·        200 GR DI FARINA 00

·        300 ML ACQUA TIEPIDA

·        1 CUCCHIAINO DI ZUCCHERO

·        1 CUCCHIAINO DI SALE

·        7 GR DI LIEVITO SECCO

·        35 ML DI OLIO DI OLIVA

·        100 GRAMMI DI NOCI







in una ciotola versare le farine e mescolare


unire lo zucchero, il sale e il lievito. mescolare ancora per amalgamare bene le polveri




unire l’olio e piano piano l’acqua (in base alla capacita’ di assorbimento della farina potrebbe non essere necessaria tutta l’acqua). 



impastare energicamente e infine unire le noci spezzettate grossolanamente. formare una palla e porre a lievitare nella ciotola coperta con pellicola da cucina. far lievitare per circa due ore. 



riprendere l’impasto, sgonfiarlo sulla spianatoia e dare la forma. metterlo in una teglia spolverizzata di farina, decorare con qualche gheriglio di noce e coprire con un canovaccio. 



far lievitare ancora per altre due ore. preriscaldare il forno a 180°, infornare e cuocere per 45/50 minuti.

 





Preparazione: IN UNA CIOTOLA VERSARE LE FARINE E MESCOLARE; UNIRE LO ZUCCHERO, IL SALE E IL LIEVITO. MESCOLARE ANCORA PER AMALGAMARE BENE LE POLVERI. UNIRE L’OLIO E PIANO PIANO L’ACQUA (IN BASE ALLA CAPACITA’ DI ASSORBIMENTO DELLA FARINA POTREBBE NON ESSERE NECESSARIA TUTTA L’ACQUA). IMPASTARE ENERGICAMENTE E INFINE UNIRE LE NOCI SPEZZETTAE GROSSOLANAMENTE. FORMARE UNA PALLA E PORRE A LIEVITARE NELLA CIOTOLA COPERTA CON PELLICOLA DA CUCINA. FAR LIEVITARE PER CIRCA DUE ORE. RIPRENDERE L’IMPASTO, SGONFIARLO SULLA SPIANATOIA E DARE LA FORMA. METTERLO IN UNA TEGLIA SPOLVERIZZATA DI FARINA, DECORARE CON QUALCHE GHERIGLIO DI NOCE E COPRIRE CON UN CANOVACCIO. FAR LIEVITARE ANCORA PER ALTRE DUE ORE. PRERISCALDARE IL FORNO A 180°, INFORNARE E CUOCERE PER 45/50 MINUTI.

sabato 10 ottobre 2020

Collaborazione con Molino F.lli Cipolla

Buonasera amici, come state? Finalmente il caldo sembra aver deciso di darci tregua, pertanto siamo anche più predisposti ad accendere i forni. E' anche un modo per distrarci un pò dalla tragedia che in molte parti d'Italia si sta vivendo. Confidiamo nella Provvidenza e speriamo che questo brutto periodo passi al più presto. 

Finalmente, dopo tanto tempo, riprendo le mie collaborazioni. L'azienda che vi presento oggi sarà sicuramente nota alla maggior parte di voi. Io ho avuto modo di conoscerla solo da poco ma subito ho capito che si trattava di un'Azienda che punta alla qualità piuttosto che alla quantità: il Molino f.lli Cipolla. 




La storia di questa azienda ha inizio con Cesare Cipolla che nel 1928 acquistò dalla famiglia Spezzaferro, anch’essa terracinese, la struttura del mulino in pietra che già dal XVI secolo produceva farine di qualità per Terracina e le zone limitrofe.

Cesare fece conoscere il suo prodotto come

“L’antica Farina per dolci e pasta”.

Da una prima macinazione a pietra, si passò nel 1972 a laminatoi diagonali per volontà di Antonio che in quel periodo aveva la gestione del mulino.
Risalgono al 2004 le prime migliorie tecnologiche nella produzione. Grazie all’introduzione di moderni macchinari si è realizzata una efficace gestione computerizzata della catena di lavorazione nel rispetto delle normative vigenti in materia di igiene e sicurezza.
Nel 2011 viene realizzato il nuovo impianto di stoccaggio, mentre dal 2013 grazie al nuovo impianto di impacchettamento automatico ed indipendente si evitano al prodotto finale eventuali contaminazioni esterne.

Giunta alla quarta generazione, la famiglia Cipolla continua ancora oggi ad avere una meticolosa attenzione per quella che è la materia prima, elemento fondamentale per un prodotto di ottima qualità.

Il grano tenero rigorosamente coltivato con metodi naturali e prodotto in Italia dà vita ad una vasta scelta di farine, ognuna delle quali ideale per specifiche preparazioni, dalla farina “00” per pane e pizza a quelle ottime per la preparazioni di dolci, dalla farina di mais per polenta a quella di grano tenero integrale o di semola di grani duri.
I nostri prodotti sono la base per le vostre ricette, i migliori momenti si passano attorno ad un tavolo ed è per noi di vitale importanza fornirvi un prodotto di qualità che sia all’altezza di questi momenti.
Lo studio, la ricerca ed il miglior metodo su come macinare il grano e lavorarlo ricoprono gran parte del nostro impegno per darvi sempre una qualità eccellente. Come nasce il grano siamo attenti a seguirlo, analizzarlo e selezionarlo, perché è da lì che le nostre farine ottengono quegli elevati standard qualitativi che ci contraddistinguono.
Possiamo avere diverse offerte, dalla Farina 0 alla 00, che sia per dolci o per la pizza, polenta o integrale, gli ingredienti principali sono sempre gli stessi: passione, dedizione ed attenzione ai dettagli.


L'Azienda, che ringrazio tanto, mi ha omaggiata di alcune confezioni di farine che vi mostro: 










Quando si parla di stare a tavola il Molino Cipolla mette tutta la sua esperienza affinché quel momento così importante venga giustamente coronato da una ricetta impeccabile.


Se come me siete curiosi e volete saperne di più, vi invito a visitare il sito e le pagine collegate




sabato 25 aprile 2020

Crostata morbida al cioccolato fondente gusto arancia.

In questo periodo di quarantena, diciamocelo, tutti stiamo di più in cucina, sperimentando tutte quelle ricette che abbiamo messo da parte in attesa di realizzazione. 
Nel post precedente vi ho parlato della mia collaborazione con l'Azienda Menichetti, che produce cioccolato di altissima qualità e vi avevo mostrato ciò che avevo ricevuto. tra i vari prodotti, ho ricevuto un barattolo di cioccolato fondente spalmabile al gusto arancia che non avevo mai assaggiato prima. Non so chi tra voi l'ha mai provata ma vi assicuro che è qualcosa di fenomenale. Appena ho aperto il barattolo sono stata invasa da un profumo inebriante e non ho potuto fare a meno di affondarci il cucchiaino.
Ho deciso, allora, di fare la crostata morbida, un dolce poco impegnativo ma di grande successo. Vi lascio la ricetta, qualora voleste farla. 

Per la base utilizzo sempre la ricetta di Benedetta, ormai collaudatissima: 
  • 2 uova
  • 140 gr di zucchero
  • 60 gr di latte
  • 50 gr di olio di semi di girasole
  • 170 gr di farina
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  1. In una ciotola rompiamo le uova e iniziamo a mescolare aggiungendo lo zucchero. Quindi uniamo l'olio di semi, il latte e la farina un po' alla volta.
  2. Infine incorporiamo mezza bustina di lievito.
  3. Ungiamo e infariniamo lo stampo furbo da 30 o 32 cm e versiamoci l'impasto livellando bene con la spatola.
  4. Inforniamo a 180°C con il forno statico, oppure a 170°C con il forno ventilato. Il tempo di cottura è di 20 minuti circa.
  5. Una volta pronta, lasciamo raffreddare la base. Quindi aiutandoci con un piatto rovesciamo lo stampo per far uscire la crostata. 
  6. Ecco la mia base


A questo punto, ho inumidito leggermente la base con poco latte e ho versato sopra la crema al cioccolato e arancia. 



Per renderla esteticamente più gradevole, ho decorato con ciuffi di panna montata e scorzette di arancia biologica.