“Lo sai perché mi piace cucinare?”

“No, perché”?

“Perché dopo una giornata in cui niente è sicuro, e quando dico niente voglio dire n-i-e-n-t-e, una torna a casa e sa con certezza che aggiungendo al cioccolato rossi d’uovo, zucchero e latte l’impasto si addensa: è un tale conforto!”

Julie&Julia

Visualizzazioni totali

mercoledì 19 febbraio 2014

Collaborazione Sant'Anna



Sant’Anna è una storia di successo tutta italiana, non solo per la crescita in quota di mercato e di fatturato: sono i consumatori a premiarla ogni giorno, scegliendola per la sua eccezionale leggerezza che nasce dal cuore delle Alpi piemontesi, per il suo bassissimo contenuto di sodio e di residuo fisso, per l’assenza di nitriti, per la bassa durezza e per essere un’acqua minerale indicata per i neonati. Lo stabilimento a Vinadio, all’avanguardia nel mondo, si sviluppa su 60.000 metri quadri di superficie. Una rete di 400 km di tubazioni in acciaio inox incalana l’acqua dalla sorgente verso le dieci linee di imbottigliamento che consentono una capacità produttiva di 310 mila bottiglie all’ora (7,5 milioni al giorno). Sono presenti ben 11 serbatoi in acciaio inox da un milione di litri per raccogliere le acque. Tutti i processi sono completamente automatizzati dall’imbottigliamento alla pallettizzazione, fino alla formazione del carico sugli autotreni (sino a 240 al giorno - logistica su rotaia per 29 depositi in tutta Italia). Prezioso in questo contesto il supporto dei 18 robot semoventi su un percorso laser, sulla base degli input trasmessi a un cervello centrale. All’interno dello stabilimento (certificazione di qualità ISO 9001:2000) è costante il controllo chimico-batteriologico dell’acqua di sorgente e il rispetto del protocollo HACCP (Hazard Analysis Critical Control Points) per i passaggi produttivi a rischio, garantendo così la qualità assoluta del prodotto imbottigliato.

L’Acqua Sant’Anna scorre nel sottosuolo attraverso rocce granitiche che cedono pochissimi minerali. Intorno alla sorgente - tra le più alte in assoluto in Italia - non ci sono insediamenti industriali, non ci sono campi concimati, non ci sono pascoli, non c’è nulla, salvo la natura incontaminata e l’acqua che sgorga. 

Vi mostro subito il loro meraviglioso pacco:




Una campionatura eccezionale di thè ai vari gusti, succhi di frutta, in bicchieri comodi da portare anche in borsa



e una confezione da sei bottiglie di acqua in materiale biodegradabile


Infatti il progetto Sant’Anna Bio Bottle nasce con lo stesso principio con cui è nata Sant’Anna: l’attenzione alla qualità della vita e al benessere delle persone, soprattutto i bambini. Per questo Sant’Anna ha scelto una bottiglia che non contiene petrolio: non solo per rispettare l’ambiente, ma per il benessere di tutti, a partire dal tuo bambino. Sant’Anna Bio Bottle sostiene la salute di tutti, compresa la natura.
 
 

Dai vegetali arriva la prima bottiglia al mondo biodegradabile.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per essere passati. I vostri commenti mi rendono felice e mi invitano a fare di più e meglio. Grazie.

Related Posts with Thumbnails